Week #14 – regole

Ieri mattina, leggendo online l’oroscopo dell’Internazionale (quello del cancro – parafrasando – invita a sperimentare acidi o peyote, bah…), mi sono accorta di aver trascurato la mia rubrica preferita: “Regole”.

Dopo un attimo di panico per non aver trovato il link direttamente in homepage, Google vede e provvede: ecco la pagina. Me le rileggo quasi tutte, le Regole, ma questa resta la mia preferita:

Emigrare1. Non ti lamentare: il gusto di dire che l’Italia è un paese di merda spetta solo a chi ci resta. 2. Ricorda che i paesi con il sistema politico migliore sono quelli con il clima peggiore. 3. Pensaci bene: vuoi davvero diventare l’ennesimo italiano a Londra? 4. Se sei indeciso su dove rifugiarti chiedi consiglio ai Savoia. 5. Resta nei paraggi, le prossime elezioni potrebbero arrivare prima del previsto. (Internazionale, numero 989, 1 marzo 2013)

A ottobre comincerò a ricevere le prime visite di parenti e amici e, avrò il dovere – come è stato fatto con me all’arrivo – d’illustrare agli ospiti una serie di regole di sopravvivenza sull’isola.

Per portarmi avanti decido d’iniziare a redigere la Mia Costituzione di St. Martin:

  1. Quello che succede a St. Martin resta a St. Martin (a meno che tu non prediliga l’esilio forzato sull’isola alla possibilità di rientrare in patria).
  2. Se ti domandi perché ci siano tante fuoristrada in circolazione, aspetta che cominci a piovere.
  3. Inutile controllare quotidianamente: qui non varia la temperatura esterna, varia solo il livello di umidità.
  4. Se intravedi un animale morto in mezzo alla strada è sicuramente un’iguana.
  5. Bere una Piña Colada a colazione non ti rende un alcolista, non qui.
  6. La scolopendra non è un problema di postura e se la pesti…sono cazzi.
  7. Cerchi un piscinista competente? Di sicuro sarà un cesso.
  8. Se per errore ti rivolgi in francese a un nero della parte olandese, questo farà finta di non capirti.
  9. Escludendo gli appassionati di Crush Fetish, prima di uscire controlla di non avere insetti nelle scarpe e prima di andare a dormire di non averli nel letto, sempre.
  10. Tra le tue conoscenze del posto un buon 40% sarà inevitabilmente composto da spacciatori.
  11. A meno che tu non abbia nostalgia delle code in tangenziale durante l’ora di punta, impara a memoria l’orario dei ponti levatoi.
  12. Il week end: a St. Barts. Taccc!
  13. Pesche a 15€ al kilo??? No, non hai letto male.
  14. Se cerchi un compare italiano sull’isola, controlla tra i proprietari dei casinò.
  15. Usa con parsimonia la salsa creola: picca. Dopo il terzo assaggio non mi contraddirai più e penserai a contattare un buon proctologo.
  16. Quando un locale ti consiglia di usare la protezione 50, stallo a sentire (anche se hai passato tutti gli ultimi week end a Cogoleto per poter vantare “un fondo” di abbronzatura).
  17. Non si consulta il meteo, ma la situazione delle correnti oceaniche. E se – come me – non ci capisci una fava, chiedi a un amico di avvisarti dell’arrivo di un ciclone in tempo per poterti barricare in casa.
  18. Se giri su un motorino truccato senza casco e sei nero, nessun problema. Se bevi una birra e poi vieni fermato dalla Gendarmerie puoi dire addio anche al tuo Arbre Magique al profumo di mango.
  19. Mai dire a un rasta intento a proporti il suo cd mentre sei spaparanzato sulla sdraio che non ami la musica reggae, limitati a un “non sono interessato”.
  20. La dengue è come un controllo del fisco: prima o poi se lo beccano tutti ed è dolorosissimo.
  21. Se non possiedi nemmeno una t-shirt brandizzata di qualche “beach” non puoi ripartire.
  22. Preparati ad acquistare infradito in stock, ne perderai un paio a ogni happy hour in spiaggia.
  23. Se intravedi una nebbiolina grigia all’orizzonte, scappa: hai 2 minuti di tempo prima di essere travolto da un temporale tropicale.
  24. Dichiarando di essere italiano i tuoi interlocutori cercheranno immediatamente di comunicare con te servendosi di quelle 4 parole che conoscono, in spagnolo.
  25. A Pinel si sta sotto l’ombrellone. Non vantare geni mediterranei, ordinati piuttosto una “piscine” di rosé se vuoi fare colpo sui turisti vicini di sdraio.

3 thoughts on “Week #14 – regole

  1. Mitica! Vedi, mentre tu sei ora lì che vagamente magari pensi all’aperitivo pre pranzo, io sto col sedere a terra, sul mio terrazzino a birra quasi finita con la settimana del rientro al lavoro che mi batte in testa insieme all’eco delle quindici persone che mi sono dovuta sorbire fino ad un’ora fa a parlare di investimenti in Senegal.
    Ti pensavo e mi sono detta che avevo una gran voglia di leggerti e questo post è bellissimo. È favoloso. Mi hai fatto pensare che ho fatto male a chiedere un preventivo per dieci giorni di ferie a novembre alle Seychelles. Io vengo lì! Non a rompere a te, chiaro, ma mi pare sia proprio un bel posto… E io ho tanto bisogno di quei beach parties :))

    • Grazie ro, i tuoi commenti mi riempiono sempre il cuore! Davvero!
      Mi hai fatto venire voglia di una birretta e considernado che ho passato le ultime ore a raccogliere peli di gatto ovunque e a sterminare insetti (altro che aperitivo..), ho deciso che me la merito. Cin! Al tuo futuro viaggio a St. Martin 🙂
      A novembre parte l’alta stagione ed è il periodo ideale per farsi una vacanza qui. Non romperesti di certo, sono a disposizione per farti da Cicerone sull’isola e per ogni dritta in fase di organizzazione viaggio. Intanto ti preparo il calendario delle feste in spiaggia…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...